porridge

Porridge: cos’è e come prepararlo

Non lasciarti ingannare dal suo aspetto, il porridge è una vera delizia ed è un modo molto bilanciato per cominciare la giornata e per affrontare la mattinata senza attacchi di fame.

Questo è il risultato del fatto che l’avena, l’ingrediente principale con il quale viene preparato, è ricca di fibre e  fornisce al corpo carboidrati a lento rilascio grazie al suo basso indice glicemico.

Tra tutti i cereali inoltre possiede il più elevato contenuto di proteine e questo lo rende l’ideale per la dieta degli sportivi.


Il suo nome deriva dall’inglese ”pottage”, che letteralmente significa zuppa d’avena, ed è la tipica colazione consumata in Inghilterra e nei paesi del nord Europa, ma recentemente è diventata molto popolare in tutto il mondo.


Strabiliante con burri di frutta secca, ne esistono svariate versioni, sia dolci che salate, ma la base resta sempre la stessa: una parte di fiocchi d’avena cotta (o lasciata riposare per una notte in frigo, dopo vedremo come) con due parti di acqua e di bevanda vegetale.

Come preparare il porridge?

Per preparare il porridge puoi usare sia fiocchi di avena grandi sia piccoli, ma sappi che più piccolini saranno più cremoso sarà il tuo porridge. Puoi anche tritarli qualche secondo in un blender prima di procedere con la preparazione.

Ma vediamo assieme come creare questa delizia.


Metodo 1: il classicone

  • 50 gr di fiocchi d’avena
  • 50ml acqua
  • 50ml bevanda di soia/riso/avena/mandorla (degustibus)


Fai scaldare a fiamma media in un pentolino antiaderente i fiocchi d’avena con l’acqua e la bevanda vegetale che hai scelto mescolando bene finché non giunge a bollore, abbassare la fiamma e continuare a girare per circa un paio di minuti, spegnere la fiamma e servire.


Metodo 2: overnight oatmeal aka “il metodo anti-pigrizia, anti-mancanza di tempo”


Sei sempre di corsa la mattina? Questa soluzione è perfetta per te.
Gli ingredienti sono gli stessi del metodo 1, metti tutto in un barattolino di vetro la sera e lascia riposare in frigo per una notte.

La mattina seguente non dovrai fare alto che aggiungere frutta fresca, frutta secca o semini vari et voilà, il gioco è fatto.

Te lo puoi anche portare in ufficio. È in assoluto il metodo anti scuse che preferisco e che uso più spesso.


Metodo 3: il microonde


È una valida alternativa al metodo 1, l’ho collaudato anni fa e funziona, bisogna solo stare attenti a regolare tempo e temperatura del micro, altrimenti il porridge fuoriesce dai bordi della tazza quando viene scaldato. Per esperienza ti posso dire che 1 minuto e mezzo circa a temperatura media andranno più che bene.

Se usi il metodo 1 o 3 puoi anche aggiungere dell’olio di cocco alla base, per una buona dose di grassi insaturi, oppure della banana ridotta in poltiglia mentre lo cuoci, il risultato finale sarà ancora più dolce e cremoso.

Per preparalo è importante usare l’acqua perché i fiocchi di avena cuociono e si gonfiano con questa e non con la bevanda vegetale, la quale, a parer mio, serve più a dare cremosità alla pappetta finale.

I toppings: come condire il porridge


Ecco, così abbiamo ottenuto la base del porridge, ma la vera genialata per renderlo delizioso è arricchirlo con vari toppings.
Per una colazione bilanciata puoi usare frutta fresca o secca e semi come abbiamo detto prima, cacao oppure spezie come cannella e curcuma, burro di arachidi, di nocciole, di mandorle o di anacardi (non faccio discriminazioni), pezzi di cioccolato, yogurt, perfino con la salsa tahin è delizioso (ormai sono diventato dipendente da questa versione).

L’ avena cotta nell’acqua e nel latte vegetale è già dolce di per sé ma se vuoi aggiungere dolcezza puoi anche usare del miele o dello sciroppo d’acero alla tua base.


Di seguito ti propongo gli abbinamenti che amo di più, per il resto sbizzarrisciti con gli ingredienti e usa la fantasia, tanto sta davvero bene con tutto:

  • Banana, cacao, burro di arachidi
  • Semi di zucca, yogurt greco e salsa tahin
  • Fragole, semi di chia e burro di mandorle
  • Mela o pera, cannella, scaglie di cioccolato, burro di nocciole (ma anche la granella, perché no?)
  • Fichi, mandorle, scaglie di cocco e salsa tahin.

Buon porridge a te, sarà davvero un buon inizio di giornata.

Share this post

Condividi su facebook
Condividi su print
Condividi su email

3 risposte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Informativa

 

Noi e altri partner selezionati utilizziamo cookie o tecnologie simili come specificato nella cookie policy.

Puoi acconsentire all’utilizzo di tali tecnologie cliccando su accetta.